Skip to content

Una parabola della riconciliazione

12 settembre 2010

La parabola del figlio prodigo è, anzitutto, l’ineffabile storia del grande amore di un Padre – Dio – che offre al figlio, tornato a lui, il dono della piena riconciliazione. Ma essa, nell’evocare, con la figura del fratello maggiore, l’egoismo che divide fra di loro i fratelli, diventa anche la storia della famiglia umana: segna la nostra situazione e indica la via da percorrere. Il figlio prodigo, nella sua ansia di conversione, di ritorno fra le braccia del padre e di perdono, raffigura coloro che avvertono nel fondo della propria coscienza la nostalgia di una riconciliazione a tutti i livelli e senza riserva, e intuiscono con intima certezza che questa è possibile soltanto se deriva da una prima e fondamentale riconciliazione: quella che porta l’uomo dalla lontananza all’amicizia filiale con Dio, del quale riconosce l’infinita misericordia. Letta però nella prospettiva dell’altro figlio, la parabola dipinge la situazione della famiglia umana divisa dagli egoismi, mette in luce la difficoltà di assecondare il desiderio e la nostalgia di una medesima famiglia riconciliata e unita; richiama, pertanto, la necessità di una profonda trasformazione dei cuori nella riscoperta della misericordia del Padre e nella vittoria sull’incomprensione e l’ostilità tra fratelli.

Alla luce di questa inesauribile parabola della misericordia che cancella il peccato, la Chiesa, accogliendo l’appello in essa contenuto, comprende la sua missione di operare, sulle orme del Signore, per la conversione dei cuori e per la riconciliazione degli uomini con Dio e fra di loro, due realtà, queste, intimamente connesse.

(Giovanni Paolo II, Reconciliatio et Paenitentia, n. 6)

Per leggere il testo intero “Una parabola della riconciliazione”:  UNA PARABOLA DELLA RICONCILIAZIONE

Nella tradizione salesiana l’Eucaristia e la Riconciliazione sono le colonne fondamentali di una solida maturazione spirituale; un itinerario di vita cristiana che coinvolge tutta la comunità educante …   Con il sacramento della Riconciliazione sperimentano la misericordia del Padre in Cristo, riconoscono il proprio peccato, ricevono con riconoscenza il perdono, resistono alla tentazione dell’autosufficienza e si formano una coscienza retta e coerente, aperta e misericordiosa.                                 (Linee orientative della missione educativa delle FMA, n. 94)

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: